Giustizia per Bossetti (e per Yara)

1430138499-massimobossetti.jpgMassimo Bossetti è in carcere da circa due anni ed aspetta un processo. E’ dentro per una accusa gravissima: aver ucciso dopo aver violentato la piccola Yara Gambirasio.

Bossetti è stato colpevole sin dal primo giorno. Il suo arresto venne annunciato dal Ministro dell’Interno con un tweet che era già una condanna. Tweet-Alfano

Eppure sulle prove raccolte a suo carico era ed è ancora lecito qualche dubbio.

A distanza di due anni Massimo Bossetti è ancora in carcere in attesa di giudizio. Sono due anni che la sua vita la sua intimità quella della sua famiglia sono sottoposti ad ogni sorta di analisi, indagini e persino di interpretazioni. Si è scavato fino a rivelare tradimenti che ne hanno messo in discussione chi fosse il suo vero padre.

Ogni atto dell’indagine è filmato registrato e poi puntualmente pubblicato.

Oggi l’ennesimo brutale atto della pubblicazione delle lettere che -. dalla sua cella – il detenuto scriveva ad un altra detenuta a Bergamo. Lettere erotiche, direi pornografiche, che fanno oggi bella mostra di sé dalle pagine di importanti siti.

Perchè quelle lettere sono sui giornali? che senso ha darle alla stampa? Che contributo di verità può esserci nello scoprire che un uomo in carcere da due anni trova piacere e passione nello scrivere lettere erotiche ad una donna? Cosa dovrebbe dimostrare? Il sexting è un reato?

La pena accessoria della distruzione sistematica della vita famigliare di un uomo non è prevista in nessun codice della Repubblica. Eppure Bossetti continua a subirla.

Sarebbe il caso che invece abbia un processo.

Advertisements